1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 

Contenuto della pagina

Onde rainbow tra tormentoni e campagne pubblicitarie

Note musicali rainbow


A cura di Gregory Benitez e Daniela Scafaro.

L’estate, si sa, è scandita dal ritmo della musica che ne accompagna i momenti e ne immortala i ricordi. Motivetti che riecheggiano nella mente e che fanno da colonna sonora a viaggi, incontri, campagne pubblicitarie…  Oltre ad accompagnare e divertire, la musica dà voce ad emozioni e vissuti e, per quanto riguarda i testi delle canzoni che parlano di tematiche LGBT+, essi esprimono tipicamente la frustrazione, l'ansia e la speranza associate a identità sessuali e di genere non normative, offrendo una piattaforma vitale di espressione e riconoscimento.
Di recente, molti artisti lanciando dei veri e propri tormentoni, hanno dato vita ad un'arena in cui voci, spesso emarginate, possono riconquistare uno spazio di ascolto, e dove le identità sessuali possono essere modellate e rinegoziate. 
La musica mainstream ha così aperto le sue porte ad artisti e tematiche LGBT e queer. L'ultimo ventennio ha visto artisti come Lady Gaga, Sam Smith, Christina Aguilera, Will Young, Scissor Sisters, The Gossip, Mika, Adam Lambert, Lauren, Years & Years, Neon Trees, Miley Cyrus, Billie Eilish e Troye Sivan farsi portavoce di un messaggio di uguaglianza e positività, sostenendo la comunità LGBT+ come membri e come alleati   Anche grandi brand hanno sostenuto la comunità LGBT+, lanciando campagne pubblicitarie a sostegno dell’uguaglianza e dei diritti di tuttз e capsule collection dedicate al Pride Month.

CONVERSE. Attraverso la collezione Pride 2021, dai colori vivaci e audacemente dettagliati, Converse ha detto "YES TO ALL", sostenendo con forza la libertà di esprimersi ed esser sé stessi, a prescindere da sesso, orientamento sessuale e identità di genere. Tutti i proventi della Pride Collection sono andati in beneficenza, impiegati per sostenere l’empowerment dei giovani LGBT+.                                                                         

M&MS.
L'anno scorso gli M&MS® hanno commemorato il Pride condividendo un'immagine che celebrava tutti i colori dell'arcobaleno sui propri canali social, incluso l'account Instagram del marchio, con la didascalia: "Siamo tutti uguali.  Ama ciò che c'è dentro”.  L'immagine faceva parte di una serie di bellissime immagini create da un fotografo di lifestyle di centinaia di M&MS® incise con "Mr&Mr" e "Mrs&Mrs" in L.O.V.E e scatole di plastica a forma di cuore.

STARBUCKS.
 Starbucks è da tempo una voce a sostegno dei diritti LGBT+. Ha sostenuto con forza il matrimonio tra persone dello stesso sesso ed ha predisposto nei suoi punti vendita "spazi sicuri" per i clienti LGBT+, trovandosi per questo ad esser oggetto di boicottaggi da parte dei governi malese e indonesiano.  Il CEO di Starbucks, Howard Schultz, ha affermato in passato che non vuole che gli oppositori del matrimonio tra persone dello stesso sesso comprino il caffè da Starbucks o ne diventino azionisti.  L'anno scorso, la loro campagna natalizia presentava l’illustrazione di una coppia lesbica che si tiene per mano di fronte ad un bel caffè fumante.

AMAZON MUSIC.
Nel 2019, Amazon Music è diventato il primo sponsor musicale ufficiale del festival Pride di Londra, creando un elenco di 50 tracce di canzoni a tema LGBT+ che i clienti possono scaricare o riprodurre in streaming gratuitamente, collaborando con il Women's Stage e marciando con orgoglio nella Parade con glamazon - dipendente di Amazon Rete LGBT+.  Amazon Music ha anche lanciato un annuncio online che celebra le relazioni LGBT+, evidenziando il ruolo potente che la musica svolge nella nostra vita quotidiana.  La partnership è avvenuta nell'ambito del continuo lavoro di Amazon per supportare le differenze nel settore tecnologico.


 

 

 

 
 

© 2013 - bullismoomofobico.it